COS’È
IL MAL DI SCHIENA?

Il “mal di schiena”, o lombalgia, colpisce almeno una volta nella vita l’80-90% delle persone adulte. L’uomo risulta più colpito rispetto alla donna e nella sua fascia d’età più produttiva (tra i 35 ed i 55 anni). Risulta quindi chiaro come tale problema sia importante per l’inabilità motoria che comporta, per le ore di lavoro perse e per lo sconcertante ammontare dei costi medici e sociali.

Le cause scatenanti il dolore lombare sono spesso da ricercare in insulti di piccola entità sostenuti da fattori predisponenti che possono rendere il quadro patologico complesso. Tra questi fattori ricordiamo: la presenza di vizi posturali legati spesso ad errate posizioni assunte nell’ambiente di lavoro (scrivania, automobile, etc.); la personalità condiziona fortemente la colonna sia nella sua statica che nella dinamica; la presenza di atteggiamenti dismorfici o paramorfici (scoliosi, ipercifosi, inversioni di curva, ipo-iperlordosi) che sono fattori predisponenti determinanti.

Il sovrappeso, l’obesità condizionano fortemente e negativamente i carichi assiali sulla colonna. Gli stress psicologici si ripercuotono sulle strutture muscolo-tendine facilitando l’insorgenza di contratture muscolari.

La carenza di attività fisica con la conseguente rigidità muscolare che ne deriva, offre terreno fertile sul quale la lombalgia può attecchire.

La fisioterapia e la ginnastica medica sanno dare un importante supporto sia come approccio unico al problema (con tecniche specifiche in relazione alla natura del danno), sia come integrazione alla terapia medica. Si è dimostrato che, tranne in gravi casi d’instabilità vertebrale lo stare a letto immobili, protetti da tutori o corsetti, risulta nella grande maggioranza dei casi inutile e il più delle volte addirittura dannoso.

In realtà con il termine “mal di schiena” (per gli americani Low Back Pain) si definiscono molte sindromi di diversa origine che quindi necessitano di approcci diagnostici e terapeutici diversi. Il classico dolore lombare è di solito legato a fenomeni degenerativi di tipo artrosico, che prima o poi colpiscono la maggior parte della popolazione adulta. Ne sono affette in particolare le persone sedentarie e che sono costrette, per lavoro, a mantenere delle posture scorrette, tipo alla scrivania o al volante di un’automobile.

Questa sindrome richiede un trattamento fisioterapico e risente positivamente dell’attività fisica in generale.

Il disco intervertebrale è una specie di cuscinetto interposto tra due corpi vertebrali e svolge un’importantissima funzione di ammortizzatore (vedi disegno in basso a sinistra).

La riduzione dell’altezza del disco e le conseguenti alterazioni del carico che si determinano, conducono poi ad una instabilità della colonna, che l’organismo tende a correggere con la produzione di osteofiti (i becchi ossei che fanno parte dell’artrosi e che si vedono nelle radiografie): ciò ricrea maggiore stabilità ma con perdita di mobilità e con l’aggravante di ridurre la dimensione del canale

Soluzione sovraccarico articolare

Sovraccarico articolare

La riduzione di altezza del disco intervertebrale per cause degenerative fa sì che si modifichino i normali rapporti articolari delle faccette con conseguente flogosi e dolore. Questa è una sindrome che è dovuta sia alla patologia degenerativa delle articolazioni interapofisiarie posteriori come tipicamente avviene nelle forme artrosiche (becchi osteofitici, flogosi cronica con degenerazione cartilaginea e conseguente deformazione delle superfici articolari), sia alla presenza di un quadro d’instabilità segmentale della colonna vertebrale con conseguente anomalie delle superfici articolari (iperlordosi lombare, scoliosi, spondilolistesi, lesioni discali ecc.).

Privacy

La informiamo, ai sensi dell’art. 13 del D.lgs 196/03 “Codice in materia di Protezione dei Dati personali”, che i dati personali da Lei forniti ovvero altrimenti acquisiti nell’ambito delle attività di Filippo Albertini, potranno formare oggetto di trattamento, nel rispetto delle disposizioni sopra richiamate e degli obblighi di riservatezza cui è ispirata l’attività della Società.

Per trattamento di dati personali s’intende la loro raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e la distruzione di dati anche se non registrati in banche dati.

La informiamo che il Titolare del trattamento dei dati personali è Filippo Albertini, e che tutti i dipendenti e collaboratori della Società sono stati nominati come incaricati del trattamento.

I dati saranno trattati e trasmessi per finalità connesse o strumentali alle nostre attività e quindi:

  1. ai fini di dare esecuzione ad un servizio o ad una o più operazione da Lei richieste;
  2. per dare esecuzione, in generale, agli obblighi di legge;
  3. per l’invio di comunicazioni e/o note informative.

Il trattamento dei dati avverrà mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza, nonché la riservatezza e sarà effettuato anche mediante strumenti elettronici atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

I dati saranno conservati presso la sede di Filippo Albertini per i tempi prescritti dalle norme di legge.

Le ricordiamo inoltre che, in qualsiasi momento, può richiedere per iscritto di integrare, aggiornare, rettificare o modificare i suoi dati nonché esercitare tutti i diritti che la legge le attribuisce all’art. 7 del decreto.

Filippo Albertini provvederà a verificare la sua identità mediante l’utilizzo di atti o documenti disponibili o mediante l’esibizione di un documento di riconoscimento.

La persona che agisce per conto dell’interessato deve esibire o allegare copia della procura, ovvero della delega sottoscritta da presentare unitamente a fotocopia di un documento di riconoscimento dell’interessato.

D.lgs. 196/03 - Titolo II

DIRITTI DELL’INTERESSATO

Art. 7

(Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti)

  1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non sono ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
  2. L’interessato ha diritto di ottenere informazioni relative:
    1. all’origine dei dati personali;
    2. alle finalità e modalità del trattamento;
    3. alla logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
    4. agli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante disegnato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
    5. ai soggetti o alle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante disegnato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
  3. L’interessato ha diritto di ottenere:
    1. l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati
    2. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    3. l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente proporzionato rispetto al diritto tutelato.
  4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
    1. per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
    2. al trattamento di dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

ROSSA | human-made brands